8 tonnellate di rifiuti abbandonati raccolti dai volontari dell’associazione Fare Verde. E’ il triste bilancio di un solo anno di attività dell’associazione che si è riunita in occasione dell’assemblea al Circolo Velico alla presenza del Presidenza nazionale, Francesco Greco e del Sindaco di Pietrasanta, Alberto Giovannetti. Presenti anche l’assessore all’ambiente, Elisa Bartoli e alla Polizia Municipale, Andrea Cosci e l’assessore uscente della giunta Mallegni, Simone Tartarini a fianco dei neo consiglieri Sandra Da Prato e Michele Balderi. Ed ancora Alessandro De Santi, (Presidente Club Velico Marina di Pietrasanta), Alberto Frugoli (Presidente fondatore del Nimbus), Marino Farnocchia (Presidente Associazione Canottaggio Viareggio), Ennio Iardella (Associazione Volontariato Arma dei Carabinieri), Manola Neri (Presidente del Golf club Alisei Pietrasanta), Domenico Monteforte (artista e gallerista), Bartolomeo Alongi (dipendente comunale Camaiore), Gianluca Duranti (Presidente Farmacia Comunale Pietrasanta), Daniele Calderone (Presidente Fare Verde gruppo Gorizia), Enrico Santambrogio (Rete Ambientale della Versilia e assessorato di Pisa). “Conosco bene l’attività dell’associazione – ha spiegato Giovannetti – e conosco anche molti dei volontari che ne fanno parte. Siamo impegnati sullo stesso fronte: non c’è sviluppo senza sostenibilità, non c’è decoro senza educazione”. Tanti i temi sul tavolo dall’uso sostenibile delle risorse idriche alla produzione domestica di energia pulita passando per il delicato tema della depurazione delle acque reflue urbane e territorio pulito e dell’emergenza inciviltà.

“Pietrasanta – ha spiegato neo presidente di Fare Verde Versilia, Anna Silvestro – si sta mostrando sensibile ai temi ambientali e da parte nostra non ci saranno battaglie di bandiera, al contrario ci sarà la massima collaborazione nell’interesse collettivo per raggiungere l’obiettivo del bene comune che sarà di esempio per le altre Comunità della Versilia. L’Ambientalismo è un modo di essere che si esprime con il volontariato per l’ambiente da oltre trenta anni e non è mai stato e non sarà mai il modo per sbarcare il lunario”.